manifesto-6-cambia-sesso-maurizio-orrico-regionali-2014

Cambia sesso… lo dice anche la Banca d’Italia!

Scriveva nel 2011 la Banca d’Italia, nella sua Relazione annuale, che una maggiore partecipazione femminile al mercato del lavoro, nelle posizioni di vertice e nelle amministrazioni porterebbe “meno corruzione” perché “a una più elevata presenza di donne tra gli amministratori pubblici corrispondono livelli di corruzione più bassi e un’allocazione delle risorse orientata alla spesa sanitaria e ai servizi di cura e istruzione”.

Author: D M