Occhiuto, ecco la replica alla presunta lettera di Mimmo Paladino

“In relazione alle notizie apparse oggi su alcuni quotidiani locali in merito ad una presunta lettera che l’artista Domenico Paladino gli avrebbe inviato, il sindaco Mario Occhiuto dichiara che i fatti diffusi con ridondanza esagerata, e senza verificarne la veridicità fra tutte le parti interessate, non corrispondono assolutamente alla realtà. “Tanto per cominciare – precisa Occhiuto – non ho ancora preso personale visione della lettera di rimostranze di Mimmo Paladino che viene riportata sugli organi di stampa. Inoltre appare quantomeno sospetta la circostanza che uno studio legale presenti una diffida basandosi esclusivamente su illazioni pubblicate sul web senza accertarsi dei fatti. Le sculture di cui si fa menzione sono relative ad una installazione relativa ad un mio progetto presentato alla XI Biennale di Architettura a Venezia, installazione che fu apprezzata a livello internazionale tanto da essere indicata dalla stampa inglese come la più bella della Biennale. Si tratta di opere che ho regolarmente pagato e quindi di mia proprietà, senza che nessuno mi abbia posto alcun obbligo successivo o alcuna condizione. Non ho mai posseduto nessun calco e non mi risulta alcun pignoramento sulle opere né tantomeno procedure in tal senso del Banco di Napoli. Nel caso, poi, si tratterebbe di fatti rientranti nella sfera del privato ma, ribadisco, non esiste alcun contenzioso di cui io sia al momento a conoscenza. Inoltre, a Venezia, nella stessa circostanza, erano presenti anche le sculture di Maurizio Orrico e di altri artisti, e nessuno di loro, nell’utilizzo successivo, si è mai lamentato di come le opere sono state esposte. Quindi, con tutto il rispetto verso Paladino – conclude Mario Occhiuto – per quanto riguarda le ambientazioni e gli accostamenti, il sottoscritto non ha certo bisogno dei suoi consigli o di qualche delatore cosentino che crede di nascondersi nell’anonimato e che, in questa fase di propaganda elettorale eccessivamente denigratoria, suppongo lo avrà investito della cosa”.
fonte: http://www.cmnews.it/notizie/calabria/cosenza/107536-cosenza-lettera-domenico-paladino-replica-mario-occhiuto/

Author: D M